Utilizzare le AirPods di Apple su Smartphone Android

scritto da:

Airpods su Smartphone Android

L’utilizzo sempre più frequente di contenuti multimediali e chiamate anche in mobilità, ha fatto modo di contribuire in maniera massiccia allo sviluppo di auricolari di tutti i tipi.
Oggi in commercio ci sono davvero tantissimi modelli, ma di sicuro tra quelli più ricercati e performanti ci sono le AirPods.

Gli auricolari di casa Apple sono quindi tra i gadget più apprezzati degli ultimi anni, e fanno gola non solo agli utenti iOS.
In questo articolo infatti ti mostro come utilizzare le AirPods su smartphone Android, in maniera tale da poter usufruire di questi ottimi auricolari su praticamente ogni dispositivo.

Collegare le AirPods su Android

Recensione delle cuffie bluetooth AirPods 2 di Apple

Il rigido ecosistema Apple spesso rende difficile la vita di chi vuole abbinare dispositivi e servizi della mela con device e sistemi operativi che non siano quelli di Cupertino.
Tuttavia, almeno per quanto riguarda le AirPods, è possibile farne uso anche su dispositivi Android.
Ecco i passaggi da seguire:

  • Attiva il Bluetooth sul tuo smartphone o tablet dalla barra dei toggle o dalla relative voce nelle Impostazioni;
  • Tieni premuto il tasto di configurazione del case delle AirPods fino a quando non noterai una spia lampeggiante bianca;
  • Avvia una scansione dei dispositivi Bluetooth presenti in zona col tuo smartphone, e seleziona infine le AirPods.

AirPods su Android: pregi e difetti

Abbiamo quindi visto nei precedenti paragrafi come abbinare le AirPods ad Android.
Bisogna tuttavia, per correttezza, definire i pregi e i difetti dell’utilizzo di questi auricolari sui device del sistema operativo di Google.

Di sicuro le AirPods sono degli auricolari davvero validi, in grado di restituire un suono cristallino e di ottima qualità; non meno importante è il fattore comodità, in quanto sono tendenzialmente ritenute delle cuffie che non danno fastidio nell’indossarle anche per un utilizzo prolungato.
Il difetto principale è chiaramente la perdita di tutte quelle funzionalità avanzate presenti invece su iOS, dovute ovviamente ad un concetto di integrazione all’interno dell’ecosistema Apple.

Mancherà, ad esempio, la possibilità di visualizzare lo stato di carica degli auricolari, e nemmeno sarà possibile attivare il classico pop-up di collegamento una volta abbinate le cuffie.
Tuttavia per rimediare a queste mancanze, nel prossimo paragrafo ti mostrerò delle applicazioni per connettere AirPods ad Android.

App per utilizzare le AirPods su Android

Ci sono quindi una serie di applicazioni in grado di migliorare l’esperienza di utilizzo delle AirPods su Android.
Si tratta in linea generale di strumenti in grado di ovviare a quei vincoli dovuti all’integrazione dei due ecosistemi, che tuttavia non pregiudicano l’utilizzo più basilare.
Ecco quindi delle app per usare AirPods su Android:

  • AirBattery: Si tratta di un’applicazione in grado, anzitutto, di controllare il livello di autonomia delle AirPods; si potrà anche attivare l’apertura automatica dell’app in seguito al collegamento con gli auricolari, ed addirittura impostare la pausa automatica dei contenuti multimediali alla rimozione delle cuffie.
    AirBattery è un tool gratuito ma che presenta acquisti in-app.
  • MaterialPods: App molto simile a quanto visto su AirBattery, da cui vengono replicate le principali caratteristiche.
    Si potrà quindi monitorare lo stato di carica delle AirPods ed abilitare la pausa automatica: è possibile inoltre configurare il richiamo a Google Assistant.
    Anche in questo caso si tratta di un’app gratuita con acquisti facoltativi.
Seguimi su Telegram!

Segui Multimediaplayer.it su Telegram per ricevere gratuitamente interessanti guide sul mondo della tecnologia e per restare al passo con i tempi!

Lascia un commento

Aspetta, seguimi su Telegram!

Iscrivendoti al canale Telegram di MultimediaPlayer.it riceverai gratuitamente guide sul mondo della tecnologia e potrai scoprire le soluzioni ai rompicapi tecnologici che si presentano quotidianamente.

Se non hai Telegram puoi utilizzare Facebook.